Logo S.I.A.

Attività

Presso la discarica di Grumolo viene conferito esclusivamente la frazione secca non riciclabile del rifiuto urbano e rifiuti di scarto da attività di selezione di rifiuti urbani, quindi tipologie di rifiuto che non possono essere avviate a recupero e riciclaggio secondo i provvedimento di Autorizzazione Integrata Ambientale n° 13 del 8.8.2011.

Per tale motivo l’obiettivo dell’attività della discarica di Grumolo è quella di utilizzare nel modo più efficace il volume della discarica, pressando i rifiuti in balle al fine di ridurne il volume ed aumentarne il peso specifico, prima di deposito nello stoccaggio definitivo.

Gli aspetti più importanti nella gestione della discarica sono il controllo del percolato e del biogas.

 

Percolato

E' il liquido che si forma dall’infiltrazione di acque piovane nei rifiuti e dai processi di degradazione degli stessi e che si accumula sul fondo della discarica. Risulta pertanto fondamentale eseguire una perfetta impermeabilizzazione della discarica affinché il percolato non si diffonda nel sottosuolo e provochi inquinamento ei terreni e delle acque sotterranee.

E’ inoltre necessario asportare il percolato che si forma nella discarica e avviarlo ad impianti di depurazione: mediamente ogni anno vengono asportati circa 14.000 mc di percolato.

 

Biogas

E' il gas che si forma dalla degradazione anaerobica della parte organica del rifiuto. E' composto per circa il 50 % di metano, 40 % di anidride carbonica e per il restante 10 % da altri gas. Viene captato con una rete di pozzi e tubazioni ed utilizzato in discarica per la produzione di energia elettrica.

Mediamente ogni anno si producono dallo sfruttamento di biogas oltre 6.000.000 di kW immessa in rete cone energia prodotta da fonti rinnovabili.

 

Allegati

Scheda piano d’ambito


Disegni costruttivi

Vasche ampliamento
Breve termine

 

Planimetria vasche

Planimetria vasche